Come Regolare Il Carburatore Della Motosega

La piccola guida su come regolare il carburatore della motosega per fare tutto correttamente
Da
recensito da
Recensito da
Ultimo aggiornamentoUltimo aggiornamento: Settembre 09, 2022
Casamoree è supportato dal lettore. Possiamo guadagnare una commissione attraverso i prodotti acquistati utilizzando i link in questa pagina. Scopri di più sul nostro processo qui

La motosega è uno strumento molto comune nel mondo del giardinaggio e della falegnameria. È possibile tagliare rami, abbattere alberi e preparare persino la legna da ardere.

Le imprese di giardinaggio sono numerose, ma altrettante sono le persone che si dedicano al fai da te. Esistono infatti motoseghe diverse adatte per ogni esigenza: da quelle leggere e di piccole dimensioni, adatte per semplici lavori di giardinaggio, a quelle grandi e con motore a scoppio, per lavori più complessi.

Se non sei un professionista e non sai neanche qual è la miglior motosega da scegliere in base alle tue necessità o come regolare il carburatore della motosega che hai appena comprato… leggi fino in fondo questo articolo e scoprirai tutto ciò che ti serve per adoperare al meglio questo fantastico strumento!

Le migliori motoseghe presenti sul mercato: come e quali scegliere

Come Regolare Il Carburatore Della Motosega

La tua motosega deve corrispondere alle tue esigenze ed i materiali che vuoi tagliare

Come accennato poco fa, non esiste una motosega migliore in assoluto… ma è possibile scegliere la motosega migliore per le proprie esigenze!

Bisogna prima capire, quindi, l’utilizzo che si pensa di fare, la frequenza con cui verrà adoperata e il budget. Sarà così possibile scegliere tra:

  • Motosega da potatura: piccola e leggera
  • Motosega professionale: più potente e dotata di una lama più lunga

È preferibile scegliere motoseghe elettriche quando l’uso è prettamente ristretto al giardino di casa (poiché necessitano di corrente elettrica), mentre è necessario optare per motoseghe a scoppio, più potenti, performanti e prive di fili elettrici, in caso di lavori più complessi.

In qualsiasi caso, è bene acquistare una motosega di un marchio noto e affidabile, che garantisca una sicurezza sia riguardo la durata dell’attrezzo sia riguardo la reperibilità di pezzi di ricambio. I produttori per eccellenza da noi selezionati puoi scoprire la nostra guida su migliori motoseghe.

L’importanza del carburatore: come funziona una motosega a scoppio

Nella motosega a scoppio è presente un motore che, a seconda della sua potenza, permette alla catena dentellata di girare più o meno velocemente e tagliare così il legno. Per il funzionamento continuo del motore è necessaria la presenza di un carburatore: all’interno del carburatore, aria e carburante  si miscelano, esplodendo nella camera di combustione e attivando così il motore. Sono infatti presenti delle viti che regolano l’entrata di aria e di carburante.

Vista la sua importanza, risulta necessario regolare correttamente il carburatore della motosega. Inoltre, occorre accertarsi sempre circa il suo corretto funzionamento e provvedere alla sua manutenzione.

Vediamo insieme come regolare il carburatore di una motosega.

Quali sono gli strumenti necessari per regolare il carburatore della motosega

Per regolare il carburatore della motosega sono necessari pochissimi strumenti. Oltre alla motosega stessa (ovviamente!), dovrai procurarti:

  • Carburante
  • Cacciavite
  • Manuale di istruzioni della motosega
  • Filtro d’aria nuovo (in caso di necessaria sostituzione di quello vecchio)

Come regolare il carburatore della motosega: il miglior metodo per la regolazione

Una corretta regolazione del carburatore della motosega è necessaria al fine del suo funzionamento. Se non esegui i giusti passaggi, potresti andare incontro a rottura del motore e, dunque, della motosega stessa.

La regolazione è un’operazione delicata: occorre pazienza e precisione. Se segui i nostri preziosi consigli potrai regolare il carburatore della motosega al meglio e con facilità.

Per prima cosa, è necessario sapere dove si trovano le viti della ricchezza. È possibile informarsi del loro posizionamento consultando il manuale della motosega.

Troverai tre viti: vite L, vite H e vite T. Vediamole nel dettaglio.

Vite L del getto minimo:

  • Avvitandola (senso orario), si chiude il passaggio della miscela aria/carburante e si riduce il regime del motore al minimo
  • Svitandola (senso antiorario), si apre il passaggio della miscela aria/carburante e si aumenta il regime al minimo

Vite H del getto del massimo:

  • Avvitandola, si ottiene una miscela aria/carburante più magra, aumentando così il regime del motore
  • Svitandola, si ottiene una miscela aria/carburante più grassa, riducendo così il regime del motore

Vite T di regolazione della farfalla:

  • Avvitandola, si apre la farfalla, aumentando così il regime al minimo
  • Svitandola, si chiude la farfalla, riducendo così il regime al minimo

È necessario regolare una vite alla volta, appoggiando la motosega su un ripiano orizzontale e seguendo i seguenti passaggi:

  1. Svuotare il serbatoio del carburante e rifornirlo con l’opportuna miscela benzina/olio (rapporto indicato nel manuale di istruzioni)
  2. Assicurarsi la pulizia del filtro dell’aria e il corretto posizionamento della catena
  3. Avviare il motore e tenerlo acceso per almeno 1 minuto
  4. Rilasciare l’acceleratore, portando il motore al minimo
  5. Avvitare la vite L (senso orario) fino a quando il motore tende a spegnersi
  6. Regolare la vite T nei due sensi, fino a raggiungere il regime di rotazione “TOP” indicato nella tabella specifica dello strumento (Engine RPM setting)
  7. Svitare la vite L (senso antiorario) fino a raggiungere il regime di rotazione al minimo corrispondente al valore indicato nella tabella. La motosega deve risultare (in regime minimo) in moto e con la catena ferma
  8. Accelerare, portando il motore al massimo
  9. Regolare la vite H nei due sensi, fino a raggiungere il regime di rotazione al massimo indicato nella tabella.

Se la motosega non riesce a stare in moto per 1 minuto dopo l’accensione, occorre effettuare le seguenti operazioni prima di passare al punto 4:

  • Avvitare completamente le viti L e H (senza forzare)
  • Svitare le viti L e H di 2 giri completi
  • Avvitare la vite T di 2 giri completi dall’inizio del contatto con la leva della farfalla

Troppi passaggi? Non spaventarti! Seguili passo per passo e vedrai che sono più facili di quel che sembra.

Come preparare al meglio la motosega per il suo utilizzo

Come Regolare Il Carburatore Della Motosega

La preparazione della motosega è molto importante specialmente nel caso quando è necessario pulirla, per utilizzo

Prima di utilizzare la motosega occorre assicurarsi di lavorare in tutta sicurezza.

Risulta necessario controllare la lubrificazione della catena. Il costo del lubrificante è basso ed è consigliata una periodica unzione della catena (per migliorarne l’efficienza e ridurre il rischio di guasti). Inoltre, assicurati che la catena abbia una giusta tensione e, se necessario, affilala.

Controlla poi che il filtro dell’aria sia pulito. Altrimenti, provvedi alla sua pulizia.

Verifica che dadi e viti siano ben serrati.

Dopodiché, riempi il serbatoio con la giusta miscela di benzina/olio (guardando le proporzioni sul libretto di istruzioni).

Adesso non ti resta che avviare il motore e dedicarti alla potatura!

Come fare manutenzione del carburatore dopo la regolazione

Per avere una motosega sempre operativa e pronta all’uso, è necessaria la sua manutenzione.

Le parti del carburatore su cui operare la manutenzione sono:

  • Filtro dell’aria
  • Filtro del carburante
  • Candela

I filtri potrebbero essersi riempiti di impurità presenti nell’aria (come polvere e pezzetti di legno). In tal caso, occorre sostituirli.

Pulisci spesso la candela (posta sopra il filtro dell’aria, coperta da una piccola vite di plastica). Se oramai è diverso tempo che non la pulisci, provvedi a cambiarla direttamente facendo attenzione di scegliere la filettatura idonea alla tua motosega.

Di tanto in tanto, l’ispesl consiglia di:

  • Lubrificare tutti i componenti della motosega
  • Controllare il funzionamento del comando dell’acceleratore e di arresto
  • Limare irregolarità ai lati della lama
  • Pulire la marmitta
  • Pulire il carburatore e il suo serbatoio
  • Pulire il serbatoio dell’olio
  • Controllare cavi e collegamenti

Come pulire una motosega

Come Regolare Il Carburatore Della Motosega

Ci sono i passi a cui devi seguire per non rompere la motosega

Prima di effettuare la regolazione del carburatore è buona norma pulire la motosega.

Pulizia della catena

Allentare la catena, rimuovere il copricatena e pulirla con un compressore e un pennello a sete rigide. In caso di sporco persistente, intingi lo strumento con un po’ di benzina o acetone.

Pulizia del carburatore

Deponi delicatamente il compressore, rimuovi la protezione e pulisci il tubicino della benzina e il filtrino del serbatoio.

Pulizia del filtro dell’aria

Assicurati che il comando di chiusura della farfalla dell’aria sia attivo, dopodiché estrai il filtro e rimuovi la polvere incastrata. Fai pressione con le dita sul bocchettone e soffia l’aria all’interno col compressore (bassa potenza).

Pulizia della candela

Quando il motore è completamente freddo, smonta la scocca contenente la catena, rimuovendo il cappellotto che la collega alla bobina. Svita la candela con una chiave e rimuovi le incrostazioni con una spatolina in fili di ottone o un pezzettino di carta vetrata. Avvolgila in un panno inumidito con la benzina, rimuovendo gli ulteriori residui penetrati nel corpo. Infine, lasciala asciugare e inseriscila nuovamente in sede.

Pulizia della marmitta

In caso di sporco lieve, utilizza un panno imbevuto di benzina o uno sgrassatore. In caso di sporco eccessivo, scalda la marmitta ed elimina i detriti induriti con un cacciavite.

FAQ

È possibile ricambiare il carburatore?

Oltre a essere possibile sostituire il carburatore, risulta necessario farlo quando la motosega presenta sintomi gravi di problemi al carburatore, non risolvibili con la semplice pulizia dello strumento. Un chiaro segnale di necessità di cambiare il carburatore è la trasformazione del colore della candela, da marrone a bianco o nero. In questi casi è necessario rivolgersi a un’officina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.