7 Migliori Caffettiere Napoletane – Il Gusto del Caffè all’Italiana (Autunno 2022)

In questa guida completa scopriamo le migliori caffettiere napoletane e scegliamo una adatta ai vostri gusti.
Da
recensito da
Recensito da
Ultimo aggiornamentoUltimo aggiornamento: Settembre 18, 2022
Casamoree è supportato dal lettore. Possiamo guadagnare una commissione attraverso i prodotti acquistati utilizzando i link in questa pagina. Scopri di più sul nostro processo qui

Il caffè è un rito. Lo sanno bene i napoletani che hanno una vera e propria caffettiera napoletana che a Napoli si chiama cuccumella. Non è una moka, ma una caffettiera con sue caratteristiche particolari. Prepara un profumato caffè macinato, che assicura una qualità al 100% italiana. L’originale era in rame, ma oggi viene realizzata in acciaio o alluminio, considerando che questi elementi sono perfetti, con specifiche leghe, per avere a che fare con sostanze alimentari.

Vediamo quindi come scegliere la migliore caffettiera napoletana ,o come dicono a Napoli, la migliore cuccumella napoletana, per avere il profumato aroma del caffè come si beve sotto il Vesuvio. Abbiamo scelto 7 caffettiere. Il primo posto merita ILSA caffettiera napoletana Inox. Regalarsi il gusto ogni giorno o stupire i vostri ospiti non ha prezzo. La qualità della vita sta proprio nei piccoli piaceri quotidiani.

Tabella

Top 7 Migliori Caffettiere Napoletane Test 2022

1.

ILSA caffettiera napoletana InoxIl Meglio del Meglio

Features
  • Dimensioni: ‎11 x 17 x 16 cm
  • Peso: 450 g
  • Capienza: 3 tazze
  • Materiale: Acciaio inossidabile INOX
  • Caratteristiche extra:

Partiamo con una bella caffettiera napoletana in acciaio inox, adatta per ben tre tazze. Le comode dimensioni vi permetteranno di riporla in qualsiasi mobile, senza che vi occupi troppo spazio. Il macinato di caffè da usare deve essere sempre un po’ grossolano, per un risultato ottimale.

Gusto unico. Chi ha provato a usare questa caffettiera ha ammesso che non c’è moka o macchinetta a cialde che possa reggere il paragone. Adatta per i veri amanti del caffè aromatico e fumante, che non vogliono scendere a compromessi. È un caffè che non si prepara in un minuto. Se avete bisogno di velocità questo non è il prodotto adatto a voi. Bisogna avere pazienza che vada in ebollizione l’acqua e poi scenda il caffè, con un risultato senza paragoni. L’ammaccatura sul portacaffè non è un difetto di fabbricazione. Le vere caffettiere napoletane lo hanno.

Cosa ci è piaciuto:

  • Ci piace il fatto che richiami alla tradizionalità e alla cura del rito del gustare un buon caffè: per trovare infatti la tazzina fumante ideale, bisogna fare delle prove prima di scegliere la miscela e la grana giusta.

Cosa potrebbe esserci di meglio:

  • Non è utilizzabile sui piani a induzione e, visto che le cucine moderne oggi giorno prevedono questi piani, forse è meglio aggiornare la caffettiera per avare un gusto classico, anche in una cucina super moderna.
2.

Barbera Moka NapoletanaMiglior Rapporto Qualità/Prezzo

Features
  • Dimensioni: 11 x 17 x 16 cm
  • Peso: 300 g
  • Capienza: 3 tazze
  • Materiale: alluminio
  • Caratteristiche extra: design tradizionale

Per questa caffettiera napoletana siamo di nuovo al design tradizionale. Stiamo parlando di un design classico addirittura nei manici di plastica, che ricordano molto i modelli degli anni 70. Questo la rende particolarmente vintage anche in ambienti più moderni.  Ha una capacità di tre tazzine. Il vantaggio di questa caffettiera è che è stata completamente realizzata in Italia, dove quindi si conosce la necessità di fare un buon caffè napoletano e quelle che devono essere le caratteristiche portanti per la caffettiera, affinché il prodotto finale sia eccellente.

Chi cerca la tradizionale caffettiera napoletana trova sicuramente un positivo riscontro in questo prodotto, che riproduce fedelmente passo per passo quelle che sono le macchinette tradizionali. D’altronde è un prodotto specifico per chi vuole una resa di un caffè realizzato con metodo classico e conosciuto da secoli a Napoli.

Cosa ci è piaciuto:

  • Ci piace il fatto che, dopo un piccolo rodaggio, la macchinetta subito dia dei risultati prestanti e costanti nel tempo, senza mostrare forma di usura. Il caffè ovviamente è diverso e più corposo di quello della moka. Bisogna valutare quindi che cosa si vuole bere, ma se si vuole il classico caffè tradizionale, questa caffettiera napoletana è perfetta. È anche un bell'oggetto vintage da tenere o in una cucina classica, o in una cucina ultra moderna, per creare un contrasto visivo.

Cosa potrebbe esserci di meglio:

  • Alcuni si sono lamentati del fatto che il manico si possa bruciare. Questo è un manico analogo a quello di molte moka. Bisogna ricordare che il caffè non va mai fatto a fuoco alto, ma a fuoco basso, proprio per dare il tempo all'acqua di andare in ebollizione e far uscire il caffè. Se si ha necessità di un caffè pronto in un minuto, meglio optare per altre soluzioni.
3.

Alessi 90018 Caffettiera NapoletanaScelta del Budget

Features
  • Dimensioni: ‎2 x 25,2 x 14 cm
  • Peso: 1 kg
  • Capienza: 3 tazze
  • Materiale: acciaio inossidabile e legno
  • Caratteristiche extra: design d’autore, lucida

Eccoci di fronte a un altro brand storico, che punta sia sulla qualità dei materiali utilizzati che sul suo design. In questo caso appare subito in evidenza il design longilineo particolare, arricchito dall’eleganza dei manici. Uno di essi è in acciaio e ha una forma più bombata, mentre l’altro, invece, è estremamente lineare con dei dettagli in legno. Sono questi dettagli in legno nel manico e nel coperchio che ne fanno un pezzo di un’eleganza unica, da poter esporre anche in bella vista nella vostra cucina.

I benefici del prodotto sono quelli di realizzare un caffè tradizionale. Si garantisce la durata del prodotto nel tempo e la sua estetica rilevante. Il design rimane fedele al modello tradizionale, ma ci sono dei dettagli che ne accentuano la raffinatezza, rispetto al prodotto che conosciamo.

Cosa ci è piaciuto:

  • Ci piace il fatto che il prodotto possa essere tenuto in vista in caso di ospiti e possa essere portato direttamente in tavola o sala per versare il caffè caldo, richiamando alla convivialità del gustare il caffè in compagnia, tipico della cultura partenopea.

Cosa potrebbe esserci di meglio:

  • I clienti lamentano il fatto che l’acciaio utilizzato sia troppo sottile per questa tipologia di prodotto e soprattutto il vano compartimento per la granella del caffè per il macinato abbia dei fori troppo grandi. Per questo ultimo motivo alcuni residui di caffè passano finendo nella bevanda finita.
4.

CAFFETTIERA tradizionale NAPOLETANA ALLUMINIO 6 tazzineOttima per una grande compagnia

Features
  • Dimensioni: 23,19 x 16,61 x 10, 01 cm
  • Peso: 280 g
  • Capienza: 6 tazze
  • Materiale: alluminio
  • Caratteristiche extra:

Questa caffettiera è molto amata da chi ama tradizionalmente utilizzare la caffettiera napoletana. Infatti, il design è quello classico. Ci permette addirittura di fare sei tazze, quindi in caso aveste ospiti, ottimizzerete il tempo in cui tutti possono gustare il loro caffè.

Ci piace il fatto che in un mondo così moderno e tecnologico, dove basta schiacciare un pulsante per avere tutto, questa caffettiera ci riporta ai tempi di nostra nonna, chiedendo un ritmo più lento e proponendo un rituale che, in fin dei conti, fa piacere seguire.

Cosa ci è piaciuto:

  • Essendo un prodotto che rispetta tutta la tradizionalità della preparazione del caffè riesce a dare una tazzina finale decisamente soddisfacente. A differenza di quella che è la moka o delle macchine automatiche, che utilizzano cialde e anche le capsule, questa caffettiera napoletana è legata alla tradizionalità del gusto, perché riesce a estrarre dal macinato il caffè tramite l’alta temperatura e la pressione, non creando comunque l'effetto di bruciato, che spesso invece si sente nella moka, soprattutto se la teniamo a fuoco alto.

Cosa potrebbe esserci di meglio:

  • La caffettiera napoletana non è un prodotto che è stato studiato per fare un caffè veloce e bisogna attendere i templi necessari. Si parla comunque di qualche minuto in più e il gusto ne vale la pena. Alcuni lamentano che non sia facile da pulire.
5.

ILSA Caffettiera napoletana alluminioLa più pratica

Features
  • Dimensioni: 14 x 6 x 30 cm
  • Peso: 150 g
  • Capienza: 3 tazze
  • Materiale: alluminio
  • Caratteristiche extra: 

Caffettiera da 3 tazzine in alluminio al 99% (esclusi i manici che sono in plastica). Il peso è decisamente contenuto, visto che stiamo parlando di 150 grammi per una dimensione di 14 cm x 30 cm di altezza: è comodamente conservabile in qualsiasi scaffale. Molto bello l’aspetto lucido, che ci ricorda un po’ le argenterie di una volta. Sta bene in qualsiasi tipo di cucina e, sicuramente, farà il suo figurone quando usata con gli ospiti.

Chi l’ha usata è rimasto meravigliato dalla bontà del caffè, che produce questa macchinetta, e dagli aromi dei profumi che sprigiona. Ricorda un passato non lontano, dove si rievoca il gusto di assaporare questa bevanda e non solo berla: la differenza è grossa.

Cosa ci è piaciuto:

  • Ci piace il fatto che questa macchinetta rispetti il design di un tempo nella sua forma. Ha un'ammaccatura che in realtà è fatta in fase di costruzione per far scendere meglio il caffè senza che ci sia l'effetto di sottovuoto, quindi preservandone il suo aroma. Questa è una caratteristica presente in tutte le caffettiere napoletane e probabilmente, chi non è di Napoli o non conosce la tradizionalità del prodotto potrebbe vederlo come difetto di fabbrica. In realtà è un particolare molto importante per avere un ottimo caffè.

Cosa potrebbe esserci di meglio:

  • Anche in questo caso, come in altre caffettiere napoletane, viene lamentato il fatto che l'acciaio sia sottile e i manici si bruciano facilmente. Alcuni suggeriscono, per i manici, di farli in acciaio. Questa soluzione, in realtà, renderebbe l'impugnabilità più complicata, perché l'acciaio, essendo un conduttore, tende a riscaldarsi. La sottigliezza dell'acciaio non implica comunque una qualità non adatta alla macchinetta.
Features
  • Dimensioni: 20 x 17 x 10 cm
  • Peso: 1,5 kg
  • Capienza: 4 tazze
  • Materiale: ceramica
  • Caratteristiche extra: confezione regalo con 4 tazzine di caffè

Se avete un amico che è un’amante del caffè, sicuramente questo regalo sarà estremamente apprezzato. Stiamo parlando della classica caffettiera napoletana, realizzata in ceramica. Questo ci ricorda le ceramiche di Capodimonte, che sono uno dei prodotti tipici della cittadina di Napoli. Il design è estremamente accattivante, la confezione in cui è inserita è perfetta per un regalo.

È ovvio che la ceramica raddoppia il peso della vostra caffettiera napoletana, ma ricordiamo essere comunque un materiale molto adatto alla gestione degli alimenti, che non rilascia alcuna particella tossica. In aggiunta al fatto di avere un apparecchio che sicuramente vi darà un buon caffè, avrete un materiale igienico a contatto con il vostro alimento.

Cosa ci è piaciuto:

  • Ci piace il fatto che questa confezione regalo sia estremamente elegante e che quindi ci permette giusto d’impacchettarla ed essere già pronta per il destinatario che verrà omaggiato.

Cosa potrebbe esserci di meglio:

  • Uno degli aspetti negativi per la ceramica è che è molto più delicata di quello che è l'acciaio. Se cade potrebbe rompersi. È quindi da regalare ai cultori del caffè che siano anche un po’ delicati nel maneggiarla. Sicuramente l'aspetto negativo è che la ceramica ha un peso doppio rispetto a quello che è l'acciaio inox.
7.

Bialetti Moka NapoletanaMigliore del design moderno

Features
  • Dimensioni: 18,4 x 18,4 x 10,6 cm
  • Peso: 340 g
  • Capienza: 3 tazze
  • Materiale: alluminio
  • Caratteristiche extra: design moderno

Quando si parla di Bialetti, si parla ovviamente di qualità. Poteva questo brand famoso da decenni nelle moka e macchinette da caffè non fare una caffettiera napoletana? Eccola quindi con un design leggermente rivisto, dove ci sono parti in plastica e parti in acciaio. Questa caffettiera napoletana, quindi, unisce alla classicità di questo particolare accessorio elettrodomestico tradizionale, anche un tocco di design.

Il miglioramento sta sicuramente nel manico, che è più facile da capovolgere, a differenza dei tradizionali che richiedono una certa manualità. Il fatto che ci sia il manico di plastica e quindi isolante, anche rispetto al calore è un grosso vantaggio: rende molto più facile il fare il caffè con questa macchinetta.

Cosa ci è piaciuto:

  • Ci piace il fatto che il risultato sia quello tradizionale, gustoso e aromatico del caffè napoletano, ma che il design si discosti completamente da quella che è la tradizionalità, lasciando spazio a una linea nuova moderna, più essenziale e pensata non solo per essere bella da vedere ma anche per essere comoda da utilizzare.

Cosa potrebbe esserci di meglio:

  • È anacronistico pensare che un modello così design e così moderno non sia adatto per la piastra induzione. Siamo d'accordo sul fatto che il caffè fatto con una caffettiera napoletana sia forse uno dei metodi più tradizionali, ma bisogna tenere in conto che, oggigiorno, l'evoluzione della cucina è quella di avere dei piani ad induzione. Una nota quindi da far presente alla Bialetti, che è sempre attenta e che potrebbe migliorare sotto questo punto di vista.

Cose da considerare

Se vogliamo essere precisi la cuccumella non è originaria di Napoli, ma della Francia e risale al 1800. Fu poi resa simbolo del caffè napoletano e, da quel momento, utilizzata dalla bella città partenopea.
Come abbiamo già anticipato è sicuramente uno strumento che impiega qualche minuto in più rispetto alla classica moka e alle macchinette da caffè di oggi, che nel giro di pochi minuti ci danno un espresso fumate. Si va però a guadagnare un gusto più corposo, più solido e più denso.
Questa è un’esperienza sicuramente apprezzata da chi ama il caffè e vuole gustarselo. Andiamo quindi a vedere come scegliere la migliore caffettiera napoletana, per poter vivere nelle vostre case questa esperienza gustativa di grande rilievo. La potrete provare con la classica ILSA Caffettiera napoletana alluminio.

Ciò che è importante?

Qualche consiglio direttamente da chi è di Napoli e da chi usa da diversi anni questo tipo di strumento.

1.      Prima di tutto la caffettiera non deve essere ottagonale, come lo è la moka, ma deve essere circolare. Questa è una delle caratteristiche portanti della cuccumella: dovete scegliere un prodotto originale, per avere un risultato ottimale.

2.      Una volta acquistata una caffettiera napoletana di qualità è indifferente che sia in acciaio, alluminio e di ceramica. Ottima scelta, per questo ultimo materiale, la Caffettiera Napoletana in ceramica con 4 tazzine caffè.

3.      Scegliete una miscela che vi piaccia: se è più granulosa il risultato è migliore.

4.      L’acqua non deve essere riempita completamente, ma lasciate uno spazio di almeno 5 / 7 mm.

5.      I veri napoletani mettono un cappuccio di carta stagnola sul beccuccio e serve, a loro detta, a mantenere l’aroma anche del primo caffè.

Cos’è la caffettiera napoletana o cuccuma

7 Migliori Caffettiere Napoletane - Il Gusto del Caffè all’Italiana (Autunno 2022)

Nel giorno d’oggi possiamo trovare le cuccumelle di diverse dimensioni e materiali. Ultimamente sono in acciaio INOX.

Se all’altezza del 1800 la caffettiera napoletana era realizzata in rame, perché era il materiale che, a livello di industria, era più presente sul mercato,  oggi la troviamo realizzata in acciaio inox, in alluminio e, in alcuni casi, anche in ceramica. Ovviamente hanno dei pesi differenti l’acciaio inox e l’alluminio, che sono più sottili, e saranno più adatti all’uso quotidiano, mentre la ceramica è un po’ più da esposizione e da occasione.

Che cos’è esattamente la cuccuma? È una caffettiera strutturata in maniera differente rispetto alla moka, perché è composta da cinque pezzi  che si incastrano tra di loro. Funziona sfruttando il calore che deve essere, come abbiamo già detto più volte, una fiamma comunque bassa e continua.

Avrete quindi:

1.      Un serbatoio in cui metterete il caffè, che non deve essere schiacciato, ma solo inserito delicatamente

2.      Un serbatoio forato in cui va a finire l’acqua e che ha un manico

3.       Il filtro del caffè che è da mettere sopra il vano, dove avete inserito il caffè

4.       La caffettiera che raccoglie quindi il caffè una volta uscito e ha un suo manico. Il secondo manico, che fa parte di questo pezzo, vi aiuta a prendere la caffettiera e poi a servire nelle tazzine il preparato.

5.      il coperchio che posizionerete sulla cuccumella quando avrete svitato la caffettiera.

Utilizzo della caffettiera napoletana

Vediamo, anche in breve, come utilizzarla a chi non fosse avvezzo a questo strumento:

1.      Dopo avere aperto la vostra caffettiera, riempite prima di tutto il vano dedicato al caffè.

2.      Dopo aver aggiunto il filtro, dovrete versare l’acqua nel vano a essa dedicato. Lasciate 5 mm di spazio dal bordo. Sarebbe meglio utilizzare l’acqua minerale naturale, onde evitare una formazione eccessiva di calcare, soprattutto se avete una caffettiera napoletana in alluminio.

3.      Una volta unite e avvitate saldamente le parti della vostra caffettiera napoletana, incominciate a metterla sul fuoco, che deve essere obbligatoriamente lento.

4.      Dovrete, a quel punto, semplicemente aspettare che l’acqua bolla.

5.      Quando raggiunge l’ebollizione l’acqua dovrete capovolgere la vostra caffettiera. Vi domandate a cosa serva questa azione? Serve affinché l’acqua calda passi dal filtro e, a contatto con il caffè macinato, si vada poi a depositare nella sezione adibita a raccogliere la bevanda finale.

6.      Molti napoletani preferiscono chiudere il beccuccio con il cappuccio che chiamano cupitiello. Quello artigianale è fatto con carta stagnola a cono e messa sul beccuccio.

Il tempo che dovrete attendere ora è quello in cui l’acqua scenda piano piano e trasporti con sé il caffè. Come potete ben intendere è un procedimento che richiede un po’ di attesa: è ovvio che la moka sia molto più veloce, ma il gusto, l’aroma e la densità sono completamente differenti. Andrete a bere una tazzina di caffè molto differente da quella che si beve di corsa la mattina.

Materiale e design

7 Migliori Caffettiere Napoletane - Il Gusto del Caffè all’Italiana (Autunno 2022)

La cuccumella tradizionale é nata in rame

Quando nel 1800 la caffettiera napoletana fu importata dalla Francia e portata a Napoli, che la fece sua, era realizzata in rame. Ricordiamo che era l’epoca della rivoluzione industriale, dove una delle materie prime fondamentali era appunto il rame. Da quel momento sono cambiati i tempi e sono passati gli anni: oggi la caffettiera napoletana è in alluminio o in acciaio. Si prenda in esempio Bialetti Moka Napoletana da design moderno e realizzata in alluminio.

È stato comunque un bene fare questa sostituzione di materiali perché molti alimenti, fra cui la stessa acqua potabile non dovrebbe essere conservata in rame. Potrebbero infatti esserci dei rischi di  digestione da rame: sono sicuramente più salutari l’alluminio e l’acciaio. Ovviamente stiamo parlando di precise leghe che sono adatte per gli alimenti.

Vediamo indicativamente quali sono le differenze tra l’acciaio e l’alluminio nella strutturazione di una caffettiera napoletana punto e le proprietà dell’acciaio sono:

I pro

  • Non viene rilasciata nessuna sostanza nociva, questo va a beneficio sia della vostra salute sia della qualità del caffè che andrete a bere.
  • È comunque una lega resistente che dura nel tempo.
  • È un materiale resistente e, quindi, difficilmente si ammacca o si rompe, anche se inavvertitamente vi dovesse cadere.
  • È un materiale molto semplice da pulire.

I contro

  • Uno dei contro, rispetto all’alluminio, è che è leggermente più pesante da maneggiare.
  • Un altro contro è che solitamente una caffettiera napoletana in acciaio costa di più di una in alluminio.
  • Altro contro potremmo identificarlo nel  fatto che ci impiega più tempo ad arrivare alla giusta temperatura per poter far uscire il vostro caffè fumante.

Le caratteristiche dell’alluminio invece sono le seguenti:

I pro

  • Uno dei pro di questa tipologia di materiale è il fatto che non avrete mai una caffettiera veramente pesante.
  • Stiamo parlando di un materiale che permette dei costi più accessibili rispetto a quelli dell’ acciaio.
  • Altra caratteristica è sicuramente il fatto che la caffettiera arriva alla temperatura giusta in minor tempo.

I contro

  • Bisogna prestare più attenzione nella pulizia della vostra caffettiera: su questo materiale tende a formarsi il calcare e, essendo a contatto con l’acqua, questo è inevitabile.
  • Viene rilasciata una minima quantità di alluminio, ma sostanzialmente è sotto qualsiasi soglia di pericolo e non crea alcun danno.

Manutenzione e pulizia

A detta di chi la usa da anni e anni, mai pulire la caffettiera napoletana con dei detersivi. Va lavata con acqua calda ,subito dopo l’utilizzo. In ogni caso mai con i detersivi, perché vanno a snaturare la sua composizione. Con il tempo e con una detersione aggressiva andreste a rovinare il prodotto.

In ogni caso, sia che abbiate la caffettiera napoletana in acciaio o in alluminio, ma anche ovviamente se l’avete in ceramica, mai lasciare la caffettiera sporca dopo l’utilizzo.

C’è poi una manutenzione ordinaria da fare almeno una volta a settimana, se viene usata giornalmente o comunque una volta al mese se viene utilizzata meno. In questa si effettua una pulizia più profonda. Il suggerimento è quello di non utilizzare mai dei detersivi chimici, ma utilizzare dei metodi naturali.

Prima d’iniziare ricordiamo che l’utilizzo di metodi naturali non solo non vanno a trasmettervi delle sostanze tossiche quando berrete il vostro caffè, ma implica anche il fatto che avrete un bel risparmio, proprio perché una bottiglia di aceto bianco costa molto meno di una bottiglia di detersivo. Inoltre, lo potrete usare per molti elettrodomestici, soprattutto quando stiamo parlando di pentole e utensili a contatto con il cibo.

Vediamo gli step della manutenzione:

  • Riempite il lavandino della cucina dove metterete acqua tiepida e aceto, oppure acqua e bicarbonato, in base alla vostra disponibilità
  • Mettete, a questo punto, tutti gli elementi della vostra caffettiera sia essa in alluminio in acciaio o in ceramica, nel vostro lavandino e lasciateli a mollo per una mezz’ora.
  • Prendete una spugnetta delicata, che non sia quindi abrasiva, e, utilizzando sempre acqua aceto o acqua e bicarbonato, andate a lavare le parti senza sfregarle con troppa energia.
  • Lasciate poi asciugare a temperatura ambiente o fatelo con un panno delicato che non lasci pelucchi.

Tutto questo è molto importante, come abbiamo detto, non farlo ogni volta che usate la caffettiera napoletana, ma almeno una volta a settimana con un utilizzo quotidiano.

Vogliamo sfatare il mito di alcuni tradizionalisti, che affermano che per mantenere il sapore del caffè, la cuccumella non andrebbe lavata. Assolutamente no, per una questione di tipo igienica. I residui organici portano dei batteri, quindi, se anche andrete a guadagnarne in sapore, (ma è tutto discutibile) andrete comunque a ingerire dei batteri, che sicuramente non vi fanno bene. Vedrete che il sapore non cambierà se la lavate, ma il vostro stomaco vi ringrazierà.

FAQ

Il caffè che utilizzerete per la caffettiera napoletana è una macinata grossolana. Come abbiamo detto l’ideale sarebbe prendere i chicchi e macinarseli da soli. In ogni caso se scegliete una miscela già fatta, puntate alla qualità. D’altronde state cercando un caffè di qualità!

Si tratta di un’ ammaccatura fatta apposta perché serve per non avere l’effetto di sottovuoto e migliorare, quindi, la preparazione stessa del caffè. Non c’è da preoccuparsi: non è un difetto di fabbricazione. Questo è un elemento voluto e facente parte del design tradizionale della caffettiera napoletana.

Il Nostro Verdetto

Andiamo quindi a vedere insieme qual è la migliore caffettiera napoletana in base alla nostra classifica.

Sul podio al primo posto mettiamo ILSA caffettiera napoletana Inox. Abbiamo una solida e resistente caffettiera in acciaio inox, che ha un design classico, ma con delle linee leggermente riviste, che la rendono comunque moderna. Il metodo di preparazione del caffè è assolutamente classico e vi darà un risultato finale profumato e aromatico, come pochi ne avete assaggiati nella vita. La dimensione è perfetta per tre tazzine: se siete in compagnia di amici un paio di caffettiere o tre dovrebbe riuscire ad accontentare tutti. D’altronde, quando si sta con in compagnia il tempo è solo un elemento arbitrario.

Al secondo posto vogliamo mettere Barbera Moka Napoletana. Stiamo parlando delle garanzie della qualità di un brand storico, conosciuto soprattutto nelle macchinette del caffè. Sono molto famose le loro moka di cui una addirittura è esposta al Moma di New York.  Bialetti ha rivisto nel design la caffettiera napoletana tradizionale, pur non prescindendo dall’utilizzo che se ne deve fare, per ottenere il risultato finale desiderato. Questa versione è ricoperta da un simpatico involucro colorato in plastica, nella parte centrale, e ha le linee più essenziali. È l’ideale per chi vuole unire la tradizione alla modernità del design.

Al posto numero 3 mettiamo Alessi 90018 in questo caso siamo realmente di fronte a un prodotto tradizionale con i manici in bachelite, come si fanno per le tradizionali caffettiere napoletane. Realizzata in alluminio, è il prodotto ideale per chi vuole rimanere fermamente legato alla tradizione non solo con il rituale del caffè, ma anche con il design della caffettiera stessa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.