8 Migliori Planetarie – Lo Chief nella Tua Cucina

Ti proponiamo la nostra classifica di migliori impastatrici planetarie che ti permette di acquistare il prodotto personalizzato adatto alle tue esigenze.
Da
recensito da
Recensito da
Ultimo aggiornamentoUltimo aggiornamento: Luglio 09, 2021
Casamoree è supportato dal lettore. Possiamo guadagnare una commissione attraverso i prodotti acquistati utilizzando i link in questa pagina. Scopri di più sul nostro processo qui
Casamoree è supportato dal lettore. Possiamo guadagnare una commissione attraverso i prodotti acquistati utilizzando i link in questa pagina. Scopri di più sul nostro processo qui
Per chi non avesse mai sentito parlare della impastatrice planetaria, questo è uno strumento indispensabile soprattutto in pasticceria. Serve a creare dei fantastici impasti sia salati che dolci. La domanda sorge spontanea: vi può servire nella quotidianità? Impastare non è un lavoro semplice, perché non facilitarsi la vita con una macchina che riesce a dare il massimo risultato con il minimo sforzo? Immaginavi di avere quindi pronto il vostro impasto: tutto questo è fattibile utilizzando la metà delle energie che ci mettevano le nostre nonne grazie all' impastatrice planetaria. Andiamo quindi a vedere la miglior impastatrice planetaria adatta alle vostre esigenze.
Tabella

TOP 8 Migliori Planetarie

Features
  • Materiali: lega di acciaio
  • Capienza: 6,7 L
  • Wattaggio: 1200
  • Modalità: 3 velocità
  • Accessori: 3

La migliore impastatrice Kenwood unisce il gusto del passato al design e l’eleganza della modernità. È infatti è così compatta e maneggevole, che può essere tenuta anche esposta in cucina. La struttura è stata realizzata in metallo pressofuso e ha delle finiture in silver, che la rendono particolarmente elegante. È utilizzabile per diverse tipologie di impasti in base all’accessorio che utilizzerete.

Uno dei benefici è sicuramente il fatto che vengono dati come base tre ganci di miscelazione. Avrete per la precisione una frusta a K, che serve soprattutto per miscelare ingredienti secchi- Si aggiunge un gancio impastatore, che serve per lavorare la pasta che userete per il pane e la pizza e la focaccia. Infine il terzo gancio è una frusta a filo, che serve per preparare dei composti più soffici, laddove ci siano delle ricette particolare soprattutto per i dolci.

Cosa ci è piaciuto:

  • Uno dei grossi vantaggi di questa impastatrice è che oltre ai tre ganci di base e vi è la possibilità di acquistare ben 25 accessori optional. Questo le permettono di essere estremamente funzionale ed estremamente versatile, per più ricette. Diventerà a questo punto uno strumento indispensabile nella vostra cucina. Questi accessori, ripetiamo, non sono inclusi nella confezione di base, ma vanno acquistati separatamente e non necessariamente tutti e 25 insieme. Quindi potrete scegliere quello che vi serve quello che non vi serve in base alle precise esigenze e alle ricette che cucinate.

Cosa potrebbe esserci di meglio:

  • Gli appassionati di questo marchio hanno identificato il fatto che questi nuovi prodotti, soprattutto questa nuova impastatrice, è meno solida rispetto alle vecchie impastatrici. Ha forse più funzioni, ma i ganci tendono a sganciarsi più facilmente. Per questo motivo bisogna fare maggiore attenzione ogni volta che si inizia, che il gancio sia ben posizionato.
2.

KitchenAid 5K45SSEWHMiglior Rapporto Qualità/Prezzo

Features
  • Materiali: lega di acciaio
  • Capienza: 4,3 L
  • Wattaggio: 275
  • Modalità: 10 velocità
  • Accessori: 4

Ecco un classico per gli amanti della tradizione, rivisto in una chiave più moderna. Infatti il nuovo design permette di non avere degli schizzi grazie alla ciotola particolarmente alta ed è elegante in metallo pressofuso. Sicuramente però ha il suo movimento planetario originario, che lo rende la classica impastatrice per chi cerca questa tipologia di prodotto e non è particolarmente amante di grandissime novità, ma vuole al contempo la comodità in casa.

Il fatto che non sia particolarmente Tecnologico ha fatto sì che questo prodotto si basasse soprattutto sulla su aspetti come l’affidabilità, la durevolezza e il fatto di essere robusto, stabile e resistente. Infatti il movimento dell’impastare è un movimento comunque energico, che col tempo tende a poter rompere i macchinari invece questo è estremamente resistente. lo potrete pulire realmente facilmente, perché non ci sono delle pieghe nascoste che rendono difficile raggiungere gli angoli.

Cosa ci è piaciuto:

  • Ci piace particolarmente il fatto che abbia ben 10 velocità disponibili: questo vuol dire che si riesce a fare un impasto e una miscelazione ad hoc, in base alle esigenze. Tutto questo lo rende ancora più affidabile e durevole.

Cosa potrebbe esserci di meglio:

  • Se messa particolarmente sotto sforzo e per una durata troppo eccessiva, questa migliore impastatrice planetaria economica potrebbe surriscaldarsi. Ricordiamo che comunque non è uno strumento professionale, ma uno strumento di tipo casalingo, per cui non prevede il fatto che si impasti per 5 o 6 ore di seguito. È necessario che sia fatto per una o due volte l’impasto e possibilmente tra la prima e la seconda mettere anche una piccola pausa, per poter far raffreddare il motore.
3.

Klarstein Bella Pico 2GScelta del Budget

Features
  • Materiali: alluminio, acciaio INOX, plastica
  • Capienza: 5 L
  • Wattaggio: 1200
  • Modalità: 6 velocità
  • Accessori: 3

Se invece non si è particolarmente amanti della tradizione, ma al contempo si vogliono fare delle dei buoni pasti in casa, per avere un pane fresco e croccante o comunque una torta pronta ogni mattina per la colazione, questa è la macchina adatta a voi. È una macchina piccola, quindi non assolutamente ad uso professionale. Può adattarsi anche alle cucine più piccole. La ciotola ha comunque una capienza di 5 litri, il che vi permetterà di fare sia degli impasti più voluminosi che meno, sempre nell’ottica ovviamente di un uso di tipo domestico.

Migliore planetaria per la casa, piccola e compatta, ma anche multifunzione. Si sta parlando di sei livelli di velocità e una funzione definita pulse. Effettivamente ti potrebbe servire sia per preparare l’impasto per la pizza, che quello per il pane e quello per le per le torte, ma anche semplicemente per frustare delle uova o per fare il tuo zabaione.

Cosa ci è piaciuto:

  • Il braccio reclinabile di questa impastatrice permette di sostituire gli accessori con facilità. Questi vengono poi bloccati con una leva di sblocco, che permette di avere la sicurezza necessaria e di avere ben sistemati gli accessori. Il braccio si piega e permette a voi di non dovervi a vostra volta piegare e magari inserire l'accessorio che vi serve in una posizione strana. Il fatto che ci sia un ulteriore gancio di sicurezza implica che non avrete problemi nel momento in cui è montato l'accessorio.

Cosa potrebbe esserci di meglio:

  • Teniamo presente che è uno strumento piccolo per cui è ovvio che non si possono pretendere delle grandi performance e una durata di ore e ore, bisogna accontentarsi di un uso casalingo e di un certo quantitativo di ingredienti inseriti. La ciotola è capiente però la potenza del macchinario in sé è sempre comunque domestica. Rispetto ad altri suoi simili ha una percentuale di plastica superiore e minore il quantitativo di metallo e acciaio. Questo aspetto potrebbe dare fastidio a qualcuno che desiderasse qualche cosa di sostanzialmente più solido, anche se la plastica è comunque un materiale resistente.
Features
  • Materiali: acciaio, plastica
  • Capienza: 5 L
  • Wattaggio: 1000
  • Modalità: regolazione manuale di velocità
  • Accessori: 3

Ecco la migliore planetaria cucina con movimento planetario adatto alle vostre esigenze per realizzare la pizza, il pane la focaccia e tutto quello che potrebbe servirvi. La sua ciotola contiene ben 5 litri ed è realizzata in acciaio inox, che notoriamente è un materiale molto igienico per i cibi. La caratteristica principale è sicuramente la praticità, in quanto permette di farlo funzionare con pochi comandi semplici e senza dover leggere dei lunghi manuali.

Quello che lo rende sicuramente interessante rispetto a molte sue macchine simili è il fatto che abbia una potenza di impasto di 1000 watt e potrai scegliere addirittura tra sei velocità da utilizzare. Questo, detto in parole povere, che cosa vuol dire vuol dire? Significa che potete avere una differente consistenza di impasto: dal soffice, al più duro, al più compatto.

Questo vi può essere servire ed essere necessario per le varie tipologie di ricette che dovete fare. Ogni impasto infatti ha alla sua caratteristica. Non tutti sono uguali: alcuni sono meno compatti altri lo sono di più, altre sono più miscelati, altri lo sono di meno. Questa scelta di regolazione manuale vi rende ampia la possibilità di creare al meglio il vostro risultato finale.

Cosa ci è piaciuto:

  • Elegante design moderno per una prestazione di efficienza moderna. Gli accessori che già sono forniti nella scatola, potrebbero essere sufficienti senza l’acquisto di altri elementi supplementari e quindi questo implica un bel risparmio di soldi, perché avrete tutto quello che vi potrebbe servire.
  • Ci piace anche molto il manico che c'è sulla ciotola perché permette di travasare molto facilmente l’impasto, evitando di rovesciare quindi in giro parte del nostro risultato finale e sporcando magari anche intorno.

Cosa potrebbe esserci di meglio:

  • Anche in questo caso i consumatori di vecchia data sia del brand che non, affermano che con le nuove tecnologie la qualità si sia un po’ abbassata e così la robustezza del prodotto. Si propone sempre alle case produttrici di fare maggiore attenzione nel prendere magari spunto dallo storico passato, per avere la stessa qualità che si aveva, con in aggiunta i miglioramenti della tecnologia e non far sì che una cosa prescinda dall'altra.
5.

Cookmii Impastatrice PlanetariaBasso rumore

Features
  • Materiali: acciaio, plastica
  • Capienza: 5,5 L
  • Wattaggio: 1260
  • Modalità: 6 velocità
  • Accessori: 3

Rispetto ad altri sue concorrenti,  questa migliore planetaria qualitá prezzo ha forse una potenza più variabile. Va infatti dai 600 watt ha un massimale di 1260 watt, nel momento in cui sia a carico pieno e utilizzata alla massima velocità.

Ha comunque 6 velocità tra cui potete scegliere, il che vi permetterà di avere quindi la migliore miscelazione per il vostro impasto. È  un prodotto estremamente facile da utilizzare e intuitivo, senza dover approfondire con lunghi manuali. Ogni parte è smontabile e facilmente rimontabile, in maniera che la possiate pulire correttamente anche sotto acqua corrente.

Fra i vari benefici del prodotto, il fatto che abbia dei piedini anti scivolo, per cui durante la vibrazione del suo funzionamento rimarrà stabile. Questo è molto comodo soprattutto se non avete un piano particolarmente largo e tanto spazio: così non rischierete che il macchinario cada a causa delle vibrazioni.

Da notare anche la rumorosità estremamente bassa, che non supera gli 80 decibel. 80 decibel come rumorosità, durante la velocità massima è un buon risultato. Ricordiamo che il range di identificazione di un elettrodomestico nella classe non rumorosa arriva a 75 decibel, ma possiamo chiudere un occhio per quei 5 decibel, essendo comunque un’impastatrice.

Cosa ci è piaciuto:

  • L’ergonomicità e il design non permette la fuoriuscita di schizzi di prodotto, per cui tutto ciò che imposterete rimarrà dentro la il contenitore che ha una capienza di 5,5 litri. Si posiziona quindi fra i contenitori ampi per l'uso domestico in cui potrete impastare sia un impasto minimo che un impasto di un certo volume, sempre rapportato a quello che è un consumo di tipo familiare.

Cosa potrebbe esserci di meglio:

  • Molti consumatori lamentano il fatto che in realtà non contenga 1 kg di farina, come indicato nelle istruzioni e nella scheda tecnica. Per una resa migliore, in maniera che non si incastri l'impasto poi sui ganci che lo mescolano, ce ne vuole meno di un chilo, il che vuol dire una percentuale inferiore da tenere in considerazione, nel caso in cui stesse facendo una ricetta a grammatura specifica.
Features
  • Materiali: acciaio inossidabile
  • Capienza: 3,9 L
  • Wattaggio: 900
  • Modalità: 7 velocità
  • Accessori: 3 + la borsa

Bosh è certamente un marchio di garanzia per tutti gli elettrodomestici e la qualità con cui li produce. Siamo di fronte a un’impastatrice domestica ma ad alto livello, che si avvicina molto a quelle professionali.

Ha un motore da 900 watt e una serie di accessori che ti aiuteranno a fare più azioni, fra cui l’impastare e il mescolare, ma anche il montare. Potrete scegliere tra 7 velocità e la funzione pulse, che permettono, con il giusto accessorio, di avere una lavorazione ottimale degli ingredienti necessari per la vostra ricetta.

Oltre alla qualità del prodotto dobbiamo parlare anche del sistema Easyarmlift per cui potrete alzare il braccio di questa impastatrice senza nessuno sforzo e mettere l’accessorio che più ritenete utile all’ impastatrice stessa. È un metodo comodo per avere una visualizzazione ottima di aggancio, ma anche una gestione di pulizie del braccio stesso e dell’accessorio che viene staccato.

Anche se non necessariamente staccato, potrete anche pulirlo attaccato, qualora fosse possibile, benché una sciacquata è sempre la soluzione più igienica dopo l’utilizzo. Mai lasciare residui organici su questi apparecchi, prima di tutto perché non è salutare per voi, perché andrebbero nell’impasto della lavorazione successiva e poi tendono a rovinare quella che è la macchina stessa.

Cosa ci è piaciuto:

  • Le differenti velocità sono sicuramente il perfetto iter per creare un impasto ad hoc. Partendo dalla velocità tre fino a raggiungere man mano alla 7, perché ricordatevi che comunque impastare e qualcosa di delicato e che richiede pazienza.
  • Si deve riuscire a sviluppare adeguatamente la maglia glutinica, impedendo all'impasto di fermarsi i suoi bordi. Questo in parole povere che cosa vuol dire? Vuol dire che l'impasto viene ben mescolato con gli ingredienti bene amalgamati tra di loro e ottiene una densità perfetta per quella che poi è la cottura del prodotto.

Cosa potrebbe esserci di meglio:

  • Alcuni consumatori hanno lamentato la rumorosità del prodotto dicendo che tale è il rumore soprattutto alle velocità più elevate, che sembra che il prodotto si sia quasi rotto per cui hanno sempre paura di accelerare per dare l'ultimo colpo, proprio per non avere delle rotture del prodotto stesso. In realtà questa impastatrice è resistente.
  • L’azienda produttrice potrebbe lavorare in maniera un po’ più capillare proprio sulla sua rumorosità, abbassandolo magari a circa 80 decibel il massimale, che una rumorosità ancora estremamente accettabile
7.

Impastatrice HoworkLa ciotola più capiente

Features
  • Materiali: acciaio, plastica
  • Capienza: 8 L
  • Wattaggio: 1500
  • Modalità: 6 velocità
  • Accessori: 6

Il prodotto può sicuramente vantare un’ottima potenza visto che stiamo parlando di un motore da 1500 watt. Lo potete usare sia per impastare, ma anche per sbattere le uova e montare la panna, quindi è adatto a varie tipologie di azione.

Ha un chip intelligente integrato che permette ben sei opzioni di velocita e la velocità 0 in particolare e è stata studiata per proteggere sia chi impasta sia il macchinario stesso.  Ha ben sei accessori e la bella notizia è che sono tutti lavabili in lavastoviglie.

Uno dei plus che differenza sicuramente questa impastatrice rispetto alle altre è la ciotola realizzata in acciaio inox, che come sappiamo, è uno dei materiali più igienici e puliti per gestire il cibo, insieme al vetro. Soprattutto quello che stupisce è la sua capienza perché stiamo parlando di una ciotola di 8 litri, quando la media si aggira sui 4 o 5 litri, quindi si possono creare degli impasti per almeno 7 persone.

Inoltre, è molto facile da impugnare questa ciotola perché a ben una doppia maniglia, il che evita qualunque forma di scivolamento anche con mani eventualmente bagnate o unte.

Cosa ci è piaciuto:

  • Ci piace il fatto che sia un prodotto con ben sei accessori e che sono tutti lavabili in lavastoviglie. Troverete anche nella confezione una spatola, che potrebbe servirvi per lavare e pulire anche la ciotola stessa.
  • La maggior parte dei componenti è in. Inoltre, il fatto che comunque il motore abbia una potenza superiore e la ciotola un contenimento maggiore, evita l'impressione che la macchina si stia fondendo e si stia rompendo, come invece danno l'impressione molte altre impastatrici di minore potenza e minore capienza.

Cosa potrebbe esserci di meglio:

  • Nonostante il quantitativo della ciotola non si può esagerare non si può arrivare a gestire fino a 1 kg di farina perché l'impasto incomincia a rimanere poi attaccato ai bordi a non essere gestito e nella maniera ottimale e conseguentemente a non essere amalgamato ed avere il risultato chi si necessità per avere una ricetta fatta bene punto quindi questo può essere un limite per chi effettivamente pur scegliendo una ciotola di grandi dimensioni volesse avere degli impasti di una certa importanza.
8.

Ariete 1588 Impastatrice VintageLa più potente

Features
  • Materiali: acciaio inossidabile
  • Capienza: 5,5 L
  • Wattaggio: 2400
  • Modalità: 7 velocità
  • Accessori: 3

Ariete oltre essere un marchio di qualità presente sul mercato da numerosi anni anche molto attento nel suo design e ha una linea di elettrodomestici di taglio vintage, che piace molto agli amanti del genere. Infatti, la sua impastatrice ha questo design particolarmente ricercato che, nonostante doni quella sensazione di vintage è comunque un’impastatrice estremamente tecnologica e funzionale. Ha un motore che raggiunge in fase massima i 2.400 watt, quindi stiamo parlando di una potenza molto forte per 7 velocità. Questo gli permette di lavorare anche impasti che possano essere più duri, più densi e più consistenti. A una ciotola con una capienza di 5,5 litri e ben tre fruste per impastare: questo la rende adatta a ogni tipo di situazione.

È sicuramente un elettrodomestico che si può esporre in vista data la bellezza del design. Può essere messo in una cucina anche minimal, creando giochi tra modernità e vintage. Dà sicuramente un tocco particolare.

Non è quindi di quelli elettrodomestici che dovete mettere via dopo averlo utilizzato, perché sembra di avere in giro disordini o comunque degli accessori. Questa impastatrice  che fa molto arredamento. A livello pratico comunque è anche molto stabile e sicura grazie ai suoi piedini antiscivolo e al coperchio paraschizzi. Se notate è stato pensato proprio tutto: sia l’estetica che la praticità della macchina.

Cosa ci è piaciuto:

  • Affermiamo che ci piaccia la qualità ogni italiana del design, un disegno che studia i particolari nei colori, nelle linee e nell'insieme. Questo affinché l’elettrodomestico diventi una parte integrante, come abbiamo detto, dell'arredamento della cucina stessa e stia bene in molte occasioni.
  • Ariete è comunque un marchio italiano quindi quello che ci piace e che l’impastatrice sia stata sottoposta a dei controlli rigidi. Questo è molto importante nel momento in cui ci rifacciamo agli strumenti che utilizziamo per il nostro cibo.

Cosa potrebbe esserci di meglio:

  • C'è chi si lamenta che gli accessori in dotazione non sono perfetti per gestire l'impasto: che siano troppo puntiti o comunque non riescano a prendere bene tutta la farina. Alcuni consumatori lamentano il fatto che questo non determini una miscelazione perfetta degli ingredienti. Di fronte a questo difetto alcuni hanno pensato che la problematica potrebbe essere il fatto che la ciotola sia di 5,5 e litri e quindi non sia sufficientemente contenitiva. Il problema è tentare di dosare il giusto quantitativo per la dimensione della ciotola stessa.

Cose da considerare

Forse non sapete che il nome di planetaria per l’impastatrice è stato dato dal movimento delle fruste che sembra imitare il movimento dei pianeti. Detta da questa curiosità di base, un’impastatrice serve a fare degli impasti. Il solo fatto di dover creare un impasto perfetto è uno degli elementi fondamentali per la buona riuscita di una ricetta. Gli impasti possono essere dolci o salati. Spesso si fa confusione tra impastatrici, robot da cucine o macchine da cucina, proprio perché con l’avanzare dell’evoluzione e la tecnologia, l’impastatrice spesso non è più solo ed esclusivamente tale, ma ha aggiunto delle multifunzioni che la rendono maggiormente un ibrido. L’importante è che abbia delle caratteristiche base da cui non si può prescindere.

Design e materiali

8 Migliori Planetarie – Lo Chief nella Tua Cucina

Il design sicuramente è fondamentale se vorrete tenere l’impastatrice fuori in esposizione e quindi deve integrarsi un po’ nel contesto della vostra cucina. Sarà utile tenerla fuori soprattutto se la usate molto spesso.

Se fate quindi molte torte (e sarebbe una sana abitudine fare più cose in casa così si vanno a sostituire anche per i bambini le merendine confezionate) è da tenere sotto mano. Più cosa fate in casa e più sana anche per gli adulti stessi è l’alimentazione.

Le macchine impastatrici, che hanno la maggiore presenza di acciaio, hanno una qualità superiore per il semplice fatto che l’acciaio è un materiale forte, resistente ma anche atossico e assolutamente adatto per gestire i cibi.

Potenza e consumo energetico

Questo è un dato che bisogna controllare sicuramente sulla scheda tecnica, però bisogna fare un ragionamento. Un’impastatrice di 1500 watt non è detto che consumi 1500 watt: bisogna anche considerare il tempo necessario e la velocità che utilizzerete per creare l’impasto necessario.

In  tutto questo un altro valore e un altro aspetto che bisogna tenere in considerazione è il fatto se il motore sia a presa diretta oppure non lo sia. Che cosa vuol dire? Un’impastatrice con un motore a presa diretta, anche se ha un voltaggio minore è molto più potente di una con un voltaggio maggiore ha presa indiretta. Per esempio la Ariete 1588 Impastatrice Vintage ha una potenza massimale di 2400w che è una buona potenza.

Capienza

È molto importante informarsi su quella che è la capienza del cestello, proprio perché riuscirete a capire quali sono i grammi o i litri massimi di ingredienti che riuscite ad utilizzare. È  molto importante soprattutto in base a quelle che sono le vostre esigenze familiari. Dovete però prestare molta attenzione perché non può essere utilizzata tutta la capacità disponibile del contenitore. Questo per il semplice fatto che deve essere in parte libero proprio per l’azione dell’ impastamento.

Vi viene indicato un terminato quantitativo e tutto in relazione anche alla potenza, perché se anche ne vostro contenitore ci fosse la capacità di quattro litri, con una potenza molto bassa, questo si surriscalderà.

Nel lavorare l’’impasto punto  sono due misure da tenere in considerazione sia la capienza che la potenza. Per esempio, la Impastatrice Howork ha una capacità di 8 litri, ma in realtà non potrete mettere dentro 1 kg di farina per il semplice fatto che ha bisogno di essere impastata.  Reagisce comunque molto bene per il semplice fatto che è una potenza alta di 1500 watt e  se  questa fosse più bassa probabilmente la capacità di 8 litri sarebbe inutile.

Accessori

8 Migliori Planetarie – Lo Chief nella Tua Cucina

Come abbiamo detto un’impastatrice potrebbe essere anche un multifunzione ma cercando di base ogni passatrice gli accessori di base che ci devono essere e non possono prescindere sono sicuramente le fruste. Le fruste che non devono mai mancare sono:

  • la frusta a K
  • la frusta definita a gancio.

Queste due fruste sono essenziali per ogni tipologia di impasto siano essi più idratati o meno, con un maggiore morbidezza o una consistenza e densità maggiore. Le impastatrici solitamente vengono dotate di tre fruste e la terza è quella a filo, che è perfetta nel caso vogliate fare un impasto più soffice quale potrebbe essere per esempio quello della meringata o  anche gestire una semplice panna montata, un dolce particolare come potrebbe essere il pan di spagna stesso.

In generale la frusta a filo è più adatta per la parte di pasticceria di dolce. Per esempio la Kenwood KVL4100S Impastatrice Planetaria Chef XL ha inserite tutte le fruste di cui abbiamo parlato, ma se volete qualcosa di più e quindi trasformarla quasi più in un multifunzione, che in una semplice impastatrice, ci sono accessori opzionali, quindi vuol dire che li dovrete comprare a parte. Ben si capisce che con 25 accessori effettivamente le azioni che andrà a fare sono maggiori.

Manutenzione e garanzia

La garanzia è sempre da valutare in base col venditore: quella legale dovrebbe essere di due anni, ma è sempre meglio comunque verificare prima dell’acquisto. Per quanto riguarda la manutenzione c’è n’è di tipo esterno, che riguarda la pulizia e una di tipo interno.

La manutenzione di tipo esterno è una manutenzione di detersione, che va fatta con un detersivo per i piatti e dell’acqua. È utile pulire sempre ogni volta che si utilizzano sia l’accessorio che la ciotola e potrete vedere se sono inseribili anche in lavastoviglie per un lavoro più veloce. Mai lasciare residui di cibo e procedere la volta dopo, perché è assolutamente antigienico e poi diventa tossico per voi.

Per la pulizia non bisogna lasciare a mollo i vari elementi, ma lavarli sotto acqua corrente, oppure come abbiamo detto, nella lavastoviglie. Meglio evitare delle punte affilate come coltelli per andare a levare il residuo. Sarebbe suggeribile una spugnetta, magari con una paglietta e pulirle delicatamente sempre sotto acqua corrente.

Come manutenzione interna invece bisogna tenere sotto controllo la cinghia, perché questa è uno di quegli elementi che potrebbe deteriorarsi e non permettere più un impasto ottimale. Bisogna sempre verificare anche che non ci siano accessori non fissati in maniera salda e non si creino dei problemi durante l’impasto. Questo potrebbe essere dannoso anche alla vostra sicurezza.

FAQ

La risposta a questa domanda è “dipende”. Non si può fare con le tre normali fruste a k, a gancio e a filo perché servono per impasti quale la pizza la focaccia e dolci, ma ci sono delle impastatrici con in più l’apposito accessorio per la carne. Bisogna informarsi preventivamente quali siano e quale accessorio bisogna utilizzare, proprio per questo specifico cibo. Essendo una richiesta del mercato sempre più frequente è molto facile trovarli: spesso sono degli accessori opzionali quindi vanno acquistati a parte.

La risposta è assolutamente sì. Una impastatrice planetaria è stata studiata principalmente per dei prodotti di pasticceria e dolci, ma è perfetta anche per l’impasto di focacce, pane e pizza,  per cui la vostra pizza casalinga può essere fatta ogni settimana, scegliendo gli ingredienti, la tipologia di farina e rendendola quindi sempre più buona e naturale possibile proprio con una impastatrice planetaria. Quindi non solo torte, ma anche tante pizze.

Il Nostro Verdetto

Procediamo quindi con la nostra classifica delle tre migliori impastatrici planetarie che andiamo a suggerirvi. Al numero 1 troviamo Kenwood KVL4100S Impastatrice Planetaria Chef XL. Oltre al design compatto ed elegante, stiamo di  una ciotola con una capienza di 6,7 litri, quindi si pone a metà tra una di bassa e una di alta capienza. La sua potenza è ottimale, ma soprattutto ha un brand storico alle spalle, che ne garantisce una determinata qualità. Oltre ad avere gli accessori basici, ha una scelta di ben 25 accessori opzionali, per cui la vostra impastatrice si può trasformare anche in un reale robot da cucina e una compagna  ideale in tutte le ricette che voi vogliate.

Al numero due mettiamo la KitchenAid 5K45SSEWH, perché, per quanto non abbia tutte le opzioni tecnologiche che possono avere le altre sue concorrenti, in realtà è la classica impastatrice planetaria tradizionale. Se quindi siete un’amante della tradizione e volete l’impasto proprio come veniva fatto dalla nonna, però aggiungendo quando qualche tecnologia in più, questo strumento è quello adatto alle vostre esigenze.

Klarstein Bella Pico 2G si posiziona invece al posto numero 3, per il semplice fatto che si avvicina di più al concetto del multifunzione e comunque di chi ha bisogno di un piccolo accessorio in una cucina ridotta come spesso sono le cucine dei nostri appartamenti oggi, in case relativamente piccole.

Ha tutte le caratteristiche di un’ impastatrice grossa bisogna ovviamente calcolare quello che è il rapporto potenza e capacità per ottimizzare l’impasto in questo caso, ma la potrete usare per più compiti. È in prevalenza in plastica, quindi un oggetto che rispecchia abbastanza la modernità degli strumenti da cucina. Il suo bel rosso sicuramente fa anche molto da arredamento nel contesto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *