10 Migliori Vodka – Un Grande Classico nel Tuo Bar

Le vodka sembrano tutte uguali: trasparente e senza un sapore particolare. Ma non è così. Ogni prodotto nella nostra classifica è unico e poi esistono anche delle caratteristiche extra. Scopriamo insieme quali.
Da
recensito da
Recensito da
Ultimo aggiornamentoUltimo aggiornamento: Luglio 20, 2021
Casamoree è supportato dal lettore. Possiamo guadagnare una commissione attraverso i prodotti acquistati utilizzando i link in questa pagina. Scopri di più sul nostro processo qui
Casamoree è supportato dal lettore. Possiamo guadagnare una commissione attraverso i prodotti acquistati utilizzando i link in questa pagina. Scopri di più sul nostro processo qui
Tra le bevande alcoliche più apprezzate al mondo, specie se di alta gradazione, c’è un prodotto proveniente dalla Russia e si chiama vodka. Una delle sue caratteristiche distintive è di essere forte quanto silenziosa nel gusto. Infatti c’è chi sostiene che la migliore vodka sia quella che è sostanzialmente insapore e caldissima in gola. La verità riguardo a questa affermazione è più complessa di un semplice sì o no. È sicuramente vero che una vera vodka deve caratterizzarsi per un suo gusto poco accentuato. Al tempo stesso è necessario che la vodka riesca a far trasparire quel sentore di grano e di quei flebili aromi aggiunti di volta in volta dal produttore. Andiamo quindi a vedere i competitors di questa sfida.
Tabella

TOP 10 Migliori Vodka– luglio 2021

1.

Smirnoff VodkaIl Meglio del Meglio

Features
  • Volume: ‎1L
  • Gusto: Spezie
  • Gradazione: 37,5%

La storia della Vodka Smirnoff è senza dubbio interessante perché parte dalla Russia degli Zar per finire in ogni parte del mondo. Il fondatore è Pyotr Arsenievich Smirnov che aprì la sua prima distilleria di vodka nella seconda metà del 1800 a Mosca. Purtroppo in seguito lo Zar nazionalizzò la produzione della vodka e in seguito la famiglia Smirnov scappò dalla Russia dopo la rivoluzione bolscevica. A questo punto Smirnov aprì nuovamente una distilleria fuori della Russia con il nome Smirnoff. La sua vodka nel tempo è cresciuta e si stima che sia la vodka più venduta al mondo, anche se non sarà la migliore vodka al mondo. Il marchio adesso è di proprietà di una delle multinazionali degli alcolici.

Dal punto di vista della presentazione la bottiglia è davvero elegante così come l’etichetta. La scelta del tappo metallico per un alcolico che deve stare al freddo per poi stare per un periodo a temperatura ambiente per la degustazione non è il massimo. Questo perché il metallo si espande e si contrae a seconda della temperatura. Si tratta di un triplo distillato di grano in alambicchi a più colonne. Degustata fredda mette in risalto i sapori speziati con retrogusto di limone. A temperatura ambiente invece rilascia un minimo retrogusto amaro che qualcuno potrebbe non apprezzare.

Cosa ci è piaciuto:

  • La Vodka Smirnoff pur essendo un prodotto dal prezzo importante, si è rivelata davvero ottima al sapore soprattutto a temperature basse, con un ottimo sentore di spezie che lascia un ottimo sapore in bocca. Gustata insieme a vari tipi di sottaceti e stuzzichini offre il meglio di sé.

Cosa potrebbe esserci di meglio:

  • Di contro a temperatura ambiente rilascia un leggero retrogusto amaro che non tutti apprezzano, quindi per essere sicuri consigliamo di servirla fredda. In ogni caso un rapporto qualità prezzo assolutamente imbattibile.
2.

Absolut Vodka CitronMiglior Rapporto Qualità/Prezzo

Features
  • Volume: ‎0,7L
  • Gusto: Citron
  • Gradazione: 40%

Absolut è il marchio di una distilleria situata in Svezia che ha iniziato a produrre Vodka non aromatizzata intorno alla metà degli anni ‘70 del diciottesimo secolo. Dopo alcuni anni di produzione di successo della vodka liscia, Absolut prima si dedicò produzione di un distillato aromatizzato al pepe, per poi mettere in commercio questo prodotto al sapore di limone.

La base della produzione della Vodka Absolut è grano svedese proveniente dalla produzione invernale sottoposto a distillazione continua. Durante questo processo vengono aggiunti gli aromi naturali di limone e lime. Non viene aggiunto zucchero. Come sapete è sempre molto difficile aromatizzare correttamente distillati come la vodka. In questo caso il rischio è di produrre una sorta di limonata alcolica, quando non un limoncello alla vodka.

Cosa ci è piaciuto:

  • A temperatura fredda la Absolut Vodka Citron ovviamente, a causa della presenza di aromi di limone e lime, tende ad essere leggermente cremoso, ma questo non inficia la qualità del prodotto. Al gusto si apprezza un dosaggio molto misurato degli aromi che non prevaricano il gusto speziato del grano svedese. In questo senso sembra quasi di avere in bocca una crostata con marmellata di limone, davvero interessante perché comunque non dimentichi mai che stai degustando una vodka. A temperatura ambiente gli aromi sono più forti, ma tutto entro livelli accettabili. La Absolut Vodka Citron sorprende per la qualità della vodka in sé e per la precisa aromatizzazione frutto di esperienze decennali. Il lime ed il limone sono una ventata di aria fresca che contrasta il gusto intenso della vodka svedese Absolut. Ottima per i cocktail.

Cosa potrebbe esserci di meglio:

  • La bottiglia, per quanto storica di Absolut, risulta un po’ anonima per un prodotto che dovrebbe essere speciale. A temperatura ambiente prevale forse il sentore acido degli agrumi.
3.

Russian Standard VodkaScelta del Budget

Features
  • Volume: ‎0,7L
  • Gusto: Spezie
  • Gradazione: 40%

Quando si parla di Vodka non si può non parlare, scusate il gioco di parole del vero “standard” di questo alcolico. Si chiama proprio Standard (in russo sarebbe in realtà “Standart”) una dei marchi di vodka più apprezzato dai russi e molto conosciuta nel mondo. Nasce da una ricetta del 1984 e viene prodotta a San Pietroburgo utilizzando il grano invernale e l’acqua del vicino lago Ladoga. Questa acqua si distingue per la sua purezza e per la sua assenza di sapori che disturbino in qualche modo il distillato. Dopo una quadrupla distillazione il prodotto viene filtrato ben quattro volte attraverso il carbone. L’ultima sessione di rifinitura del prodotto avviene in botti di acciaio.

La bottiglia è la classica smerigliata che tutti conoscono con un’etichetta molto elegante. La caratteristica prima della Vodka Standard è la sua classica purezza in cui il sentore del grano tipico della questo distillato è libero di trasparire senza incertezze o interferenze. Questo è dovuto infatti alla purezza dell’acqua utilizzata. Una simile caratteristica contrasta in qualche modo con altri tipi di vodka con acqua decisamente più minerale e dal sapore decisamente più “sporco” che per alcuni appassionati è molto più interessante.

Cosa ci è piaciuto:

  • La Vodka Standard è davvero un punto di riferimento per il suo essere pura e senza aromi e spezie prevalenti, lasciando il gusto del grano a prevalere su ogni altro sentore. Scorre forte e decisa nel palato ed in gola lasciando quel tipico bruciore, ma senza qualsiasi indesiderato retrogusto amaro.

Cosa potrebbe esserci di meglio:

  • D’altro canto questa sua qualità rappresenta per alcuni intenditori il suo maggiore limite. La Vodka Standard viene accusata di essere, a causa della sua purezza, priva di carattere, troppo pulita per essere un distillato di lata gradazione.
4.

Grey Goose Vodka PoireAromatizzata - Freschezza di pera

Features
  • Volume: ‎0,7L
  • Gusto: Pere
  • Gradazione: 40%

Alla ricerca della migliore vodka ci spostiamo in Francia per provare la Grey Goose La Poire un’altra facente parte dei distillati aromatizzati. Qui andiamo veramente sul difficile, perché la pera si distingue per il sapore forte e ben definito, se poi si aggiungono sentori di banana si capisce che l’impresa è davvero ardua. Grey Goose è un marchio francese produttore di una Vodka liscia di buona qualità che in questa versione propone un aroma davvero originale.

La bottiglia si presenta nella classica versione smerigliata con un’etichetta con ben in vista la bandiera francese, oltre ad un’immagine che mostrano le tipiche pere contenute. In realtà si tratta di aromi estratti da pere Anjou che vengono realizzati appositamente da una profumeria. Quello che può lasciare sorpresi è che di primo acchito il sentore di banana appare preponderante per alcuni palati. Questo è dovuto al fatto che si è stati in effetti molto cauti nel dosaggio dell’aroma della pera. In ogni caso questa non è una vodka che si presta particolarmente alla combinazione con altri ingredienti per creare dei cocktail.

Cosa ci è piaciuto:

  • La nostra prova ci dice che Grey Goose ha fatto un buon lavoro nella miscelazione degli aromi, perché comunque sicuramente non è un estratto di pera con una dose importante di alcool. Il gusto è chiaramente improntato alla pera con sentori di banana, ma allo stesso tempo si ha sempre ben presente che si tratta di vodka. Quindi possiamo dire che la sfida proposta da Grey Goose è stata superata.

Cosa potrebbe esserci di meglio:

  • Allo stesso tempo per alcuni acquirenti potrebbe sembrare deludente il fatto che l’aroma fruttato di pera risulti in qualche modo poco appariscente, c’è chi dice che in effetti sa più di banana. La questione non è semplice, ma chi si aspettava di trovare una vodka dal sapore chiaramente definito potrebbe rimanere deluso.
5.

Vodka Russian Platinum StandardFiltrazione tramite la polvere di argento

Features
  • Volume: ‎0,7L
  • Gusto: Spezie
  • Gradazione: 40%

Abbiamo già parlato del marchio Standard, eccoci a parlare della versione platinum di questo prodotto che rappresenta in molte parti del mondo un classico esempio di vodka russa. La leggenda vuole che questa la composizione di questa vodka sia stata codificata nel 1894 da Mendeleiev, lo stesso che ha inventato la tavola periodica degli elementi. Questa versione platinum differisce da quella tradizionale per alcuni particolari che vi spieghiamo qui sotto.

La maggiore differenza tra la versione classica della Vodka Standard e quella Platinum è che è stata sottoposta a due ulteriori processi di filtraggio attraverso carbone ed argento. Il risultato è una vodka ancora più pura nel sapore con soli flebili sentori di spezie e la forza preponderante del grano russo. In questo modo vengono esaltate ancora di più le caratteristiche di questa vodka.

Cosa ci è piaciuto:

  • La versione Platinum della Vodka Standard cerca di massimizzare le sue peculiarità restituendo un gusto se possibile più puro e senza fronzoli di un distillato che sa davvero solo di grano ed in parte di spezie. Il risultato è un gusto decisamente tagliente, ma anche delicato negli aromi. Una vodka davvero allo stato puro che non lascia spazio a nient’altro che se stessa.

Cosa potrebbe esserci di meglio:

  • Per alcuni esperti ed intenditori la Vodka Russian Platinum Standard finisce per eccedere nella sua missione, finendo per tagliare i pochi aromi presenti. Il risultato può apparire in definitiva decisamente anonimo e chi non apprezza la Standard tradizionale di sicuro eviterà la Platinum, proprio per la sua mancanza di carattere distintivo.
6.

Beluga Noble VodkaIl gusto classico liscio

Features
  • Volume: ‎0,7L
  • Gusto: Classico nobile
  • Gradazione: 40%

È il momento adesso di una vodka russa di livello superiore e lo si capisce benissimo dal prezzo, non esattamente alla portata di tutti. La Beluga Noble Vodka viene prodotta nella lontana Siberia in una zona davvero poco popolata. L’acqua utilizzata è di tipo artesiano, quindi già estremamente pura. Per ottenere un risultato ancora più netto, l’acqua viene sottoposta a due sessioni di filtraggio con la sabbia di quarzo e un filtro d’argento. Quanto ad elementi aromatici vengono aggiunte parti millesimali di miele, di uno speciale estratto di avena e come tratto davvero unico sono presenti minime parti di cardo mariano.

Abbiamo specificato che questi aromi aggiunti sono in quantità assolutamente esigue, ma, grazie alla speciale distillazione e maturazione, questi sentori sono dolcemente presenti nel prodotto finito. Anche in questo caso siamo di fronte ad un sapore decisamente puro e senza aromi davvero preponderanti. Nell’insieme però all’assaggio, soprattutto se opportunamente raffreddata, la Beluga Noble Vodka mette in scena un concerto davvero molto interessante di sentori

Cosa ci è piaciuto:

  • Beluga Noble Vodka forse non è la migliore vodka russa in commercio, ma è sicuramente un prodotto molto interessante che permette di gustare una vera vodka russa a tutto tondo. La gestione maniacale degli aromi è sicuramente notevole e sorprendente.

Cosa potrebbe esserci di meglio:

  • Come per altri marchi di vodka russa presenti in questa recensione non sempre c’è una percezione della vodka uguale per tutti. Il lavoro davvero eccellente della gestione degli aromi lascia in alcuni appassionati un senso di vuoto che ovviamente non c’è. Parliamo di una vera vodka russa in cui la ricerca della purezza da grandi risultati, ma non sempre viene apprezzato per quello che è.
7.

Absolut Black S VodkaSuperalcolico 50%

Features
  • Volume: 1L
  • Gusto: Classico
  • Gradazione: 50%

Parliamo adesso della Absolut Black S Vodka, meglio conosciuta come Absolut 100. Absolut, come già sappiamo è una distilleria situata in Svezia. Il materiale su cui si basa la realizzazione di modelli di Vodka Absolut è grano svedese invernale sottoposto a distillazione continua. In questo caso Absolut propone la sua vodka alla più alta gradazione alcolica.  Si è scelto quindi, per dare maggiore rilievo al prodotto, di realizzare un’apposita bottiglia di colore nero che non può passare inosservata.

Si tratta di una vodka dal grado alcolico davvero molto intenso che non è sopportabile da tutti se viene bevuta liscia. Provata a temperatura ambiente è davvero difficile da affrontare liscia, tanto è forte e con riflessi decisamente amari. Degustata fredda è sempre davvero molto forte, ma a questa temperatura la Absolut 100 sprigiona al meglio i classici sentori tipici del brand svedese.

Cosa ci è piaciuto:

  • Questo tipo di vodka può essere provata da sole in piccole dosi, ma il consiglio è di abbinarla ad altro per realizzare cocktail interessanti. La Absolut 100 è sicuramente in gara per essere la migliore vodka per cocktail, in quanto riesce a valorizzare moltissimi aromi diversi, risultando davvero consigliata per questo ruolo. Il suo sapore comunque tenue si armonizza al meglio con altri alcolici, per dare forza e sostanza a qualsiasi cocktail.

Cosa potrebbe esserci di meglio:

  • Come già spiegato è davvero difficile bere la Absolut Black S Vodka da sola. Davvero troppo forte, se non si ha uno stomaco di ferro. Certamente si può provare in compagnia per vedere con gli amici l’effetto che fa, ma è una cosa da fare non troppo spesso. In questo senso spendere una cifra non troppo economica per una vodka da cocktail potrebbe risultare, anche in questo caso, indigesto.
8.

Stolichnaya VodkaMorbida con le note di paglia bagnata e pepe

Features
  • Volume: 0,7L
  • Gusto: Agrumi, pepe
  • Gradazione: 40%

Andiamo adesso a provare un’altra vodka russa, la Stolichnaya, nata in Russia, anche se negli ultimi anni il lavoro vero e proprio di produzione si è spostato in Lettonia. La storia racconta che questa distilleria sia nata poco prima che lo Zar procedesse alla nazionalizzazione della produzione della vodka. Leggenda racconta che sia stata per un periodo una sorta di distilleria clandestina prima di comparire ufficialmente come Stolichnaya nel 1938.

La vodka Stolichnaya viene prodotta utilizzando il grano e la segale coltivati nella zona russa di Tambov e lavorata con acqua artesiana. La distillazione prevede quattro fasi ed il filtraggio avviene utilizzando la sabbia di quarzo per poi essere lavorata con il carbone attivo di betulla. Sono 40 i gradi alcolici in bottiglia. Questa vodka si distingue per la presenza della segale che è decisamente presente al gusto, conferendo un sapore davvero originale. Questo non va a snaturare l’essenza della tipica vodka di grano, ma ne offre una declinazione diversa, insieme a sentori ben presenti di agrumi e di pepe.

Cosa ci è piaciuto:

  • Assaggiare la vodka Stolichnaya è un grande piacere, perché restituisce un sapore molto tradizionale della vodka russa, pur con quel carattere in più dato dall’aggiunta della segale che offre un contributo importante al sapore. I sentori di agrumi, ma anche del pepe aggiungono quella punta piccante che è risulta più presente all’interno dei cocktail.

Cosa potrebbe esserci di meglio:

  • I puristi della vodka russa liscia e dai minimi sentori potrebbero non essere affascinati dalla presenza della segale. Inoltre la vodka Stolichnaya non si adatta a tutti i tipi di cocktail, specie quelli dai sapori più caratterizzati.
9.

Zubrowka Vodka Bison GrassProfumata dell’erba del bisonte

Features
  • Volume: 0,7L
  • Gusto: Vaniglia
  • Gradazione: 37,5%

Ci spostiamo adesso in Polonia per conoscere e provare la Zubrowka Vodka Bison Grass. Questa vodka viene prodotta nella località di Polmos Bialystok che si trova a circa due ore di auto da Varsavia. Il nome della vodka è un po’ spiazzante, perché si parla di Bison Grass, di erba del bisonte. Questo tipo di erba cresce nella foresta di Białowieża ed è il pasto preferito dei bisonti europei della zona. Da qui il particolare nome. Questa erba viene utilizzata per aromatizzare la vodaka che in questo caso viene realizzata esclusivamente con la segale. All’interno di ogni bottiglia è presente un filo di questa speciale erba.

Questa vodka rientra necessariamente nel gruppo delle vodke aromatizzate. Oltre alla differenza di produzione della vodka utilizzando la sola segale, la Zubrowka Vodka Bison Grass al gusto rivela questo sapore erbaceo non eccessivo, ma molto persistente. L’erba del bisonte è davvero il tratto distintivo di questa vodka che ha nel suo insieme un gusto non troppo amaro e molto avvolgente.

Cosa ci è piaciuto:

  • La Zubrowka Bison Grass si distingue per essere una vodka dal gusto sicuramente importante e davvero originale. Il sentore dell’erba del bisonte ha una preminenza davvero importante, anche se per certi versi minore di quello che ci si possa attendere. Il miglior modo di gustare la Zubrowka Vodka Bison Grass è liscia e molto fredda. Se provata a temperatura ambiente rilascia un gusto di erba troppo amaro.

Cosa potrebbe esserci di meglio:

  • Come abbiamo già anticipato questa va catalogata come una vodka aromatica e lo è per davvero. Per alcuni appassionati questo sapore di erba è davvero spiazzante. L’utilizzo integrale della segale porta poi la Zubrowka Bison Grass fuori dai canoni standard della vodka. Non è poi la migliore vodka per cocktail, gran parte degli accoppiamenti risultano non eccellenti all’assaggio.
10.

Moskovskaya VodkaDistillazione tripla

Features
  • Volume: 1L
  • Gusto: Classico
  • Gradazione: 38%

Terminiamo la nostra prova con la Moskovskaya Vodka, un prodotto che, lo dice chiaramente il nome ci rimanda alla capitale della Russia, cioè Mosca. Si tratta di un prodotto a buon mercato, che permette a tutti di provare l’effetto di provare una buona vodka russa di segale. Sì, perché a differenza di gran parte delle vodke prodotte in Russia, ha la sua base nella segale. Sono presenti comunque distillati di altri cereali, ma in parti molto inferiori. L’acqua viene filtrata con trattamento tradizionale in carbone.

Al gusto la Moskovskaya Vodka offre il ben conosciuto aroma di segale acui sono stati uniti altri elementi per renderla in parte un po’ più colorata. Il gusto è sicuramente morbido e porta con sé sentori di menta e di pepe nero. Il tutto sempre con l’obiettivo della tradizionale vodka russa, dove l’essere davvero liscia ed in qualche modo inconsistente è un vero ed importante pregio.

Cosa ci è piaciuto:

  • La Moskovskaya Vodka è un prodotto economico che non tradisce e permette di provare quelle che sono le caratteristiche distintive di una vera vodka russa. La scelta della predominanza della segale regala un gusto particolare, grazie anche alla presenza di vari flebili sentori. Per avere un primo contatto con la vera vodka russa, la Moskovskaya può essere un interessante inizio, essendo probabilmente la migliore vodka economica. Si tratta poi di una vodka che risulta apprezzabile anche a temperatura ambiente.

Cosa potrebbe esserci di meglio:

  • Il fatto però che stiamo parlando di una vodka economica vuol dire anche che la qualità non è eccelsa. Può essere forse considerata la migliore vodka a livello qualità prezzo, ma allo stesso tempo si ha quello che si paga. Aggiungiamo poi che stiamo parlando di vodka di segale, quindi leggermente diversa dagli standard tradizionali.

Cose da considerare

Dopo aver esaminato dieci prodotti alla ricerca della migliore vodka siamo pronti per darvi tutte le indicazioni necessarie per scegliere la vodka più adatta ai vostri gusti. Per esempio come trovare la migliore vodka economica, liscia o per cocktail. Nella nostra guida troverete tutte le indicazioni necessarie per fare un corretto acquisto. Perché anche una bevanda alcolica dal gusto spesso minimale ha le sue varianti, con differenze anche notevoli

Ciò che è importante?

10 Migliori Vodka - Un Grande Classico nel Tuo BarSono numerosi i parametri che ci aiutano a valutare tutte le numerose varianti di vodka presenti sul mercato. Questo perché stiamo parlando di una bevanda alcolica che nel tempo ha saputo ritagliarsi uno spazio importante in tutti i mercati del mondo.  Detto questo va comunque ribadito che la vodka rimane un prodotto dalle connotazioni decisamente europee, con un forte radicamento nell’Est Europa. L’elemento prevalente nella produzione della vodka è ovviamente la materia prima. Molti sostengono che la vodka, per sua caratteristica, può essere prodotta con ogni tipo di cereali. Quello che conta è il metodo di distillazione. Per quanto ci riguarda siamo dell’avviso che la vodka più tradizionale sia quella realizzata con il grano invernale. L’alternativa praticata e praticabile è la segale. Altri tipi di alcolici che si richiamano alla vodka, ma realizzati con altro non rientrano strettamente in questa cerchia. Un altro parametro davvero importante riguarda il metodo con cui viene realizzata una vodka. All’interno di una procedura più o meno standard, esistono varianti e specifiche diverse che incidono in maniera rilevante sul prodotto finale. La procedura di filtraggio dell’acqua ad esempio riveste una grande importanza. Le varie tecniche di distillazione, il numero di fasi della stessa, come viene fatta riposare prima dell’imbottigliamento. Nella scelta di una vodka è importante anche valutare l’uso che se ne fa. A seconda del fatto che si voglia gustare così, al naturale, oppure all’interno del proprio cocktail preferito la scelta andrà su prodotti dalle caratteristiche diverse.

Paese d‘origine

La popolarità della vodka ha fatto sì che molte distillerie nei vari continenti abbiamo cominciato una propria produzione. In qualsiasi supermercato del mondo si trova uno scaffale dedicato alla vodka dove sono presenti, oltre ai prodotti più commerciali, alcuni prodotti locali di questa bevanda alcolica. Ciò non toglie che la vodka, per storia e tradizione sia un prodotto che trova la sua massima espressione nell’Est Europa. In queste regioni la vodka è il superalcolico di riferimento e c’è una grande tradizione all’interno delle distillerie. Questo fa sì che il livello medio di qualità della vodka prodotto in quelle zone sia sempre molto elevato. Ciò non toglie, come abbiamo visto nel caso della Grey Goose Vodka Poire, che anche in paesi come la Francia si possano realizzare prodotti da mettere bene in evidenza. In ogni caso va considerato che la vodka è e rimane un prodotto che trova le radici più fertili in un’esatta zona dell’Europa. La Russia va considerata la patria della vodka e qui si possono reperire, sia le versioni più tradizionali, che varianti davvero gustose. Anche le nazioni dell’ex Unione Sovietica vantano una produzione importante e di qualità di Vodka.

Specifiche della produzione

Una degli elementi che più caratterizzano la vodka a livello di sapore e di aromi è la modalità in cui essa viene prodotta. La scelta del trattamento dell’acqua riveste una rilevanza molto grande, perché determina il livello di purezza del sapore della vodka. I produttori in questo caso possono regolare a piacimento il livello di presenza di minerali dell’acqua utilizzata. Questo valore incide molto sul gusto della vodka. Generalmente si cerca di raggiungere un elevato livello di purezza, in ossequio alla regola che la vodka deve lasciar trasparire al meglio il lieve gusto del grano. In alcuni casi però, volutamente si opta per realizzare una vodka più “sporca” per ritrovare il gusto delle vecchie distillerie artigianali di una volta. Un altro elemento che produce differenze riguardanti il sapore della vodka è il processo di distillazione. Vi sono vari strumenti per la distillazione della vodka che intervengono sul corpo e sulla gradazione della stessa. Non solo, anche il numero di distillazioni ripetute incide in modo significativo. Infine il periodo di riposo prima dell’imbottigliamento, che permette agli aromi aggiunti di liberare al meglio i propri profumi. La combinazione di questi elementi è studiata a fondo dai produttori che, anno dopo anno, hanno modificato l’intera procedura fino a raggiungere il risultato desiderato.

Che prodotti si usano

10 Migliori Vodka - Un Grande Classico nel Tuo BarSu questo argomento ci siamo già espressi poche righe sopra, ma è importante chiarire un concetto molto importante riguardante la vodka. Per una parte non indifferente di consumatori la vodka è vista come un prodotto in qualche modo minore e povero, per la sua origine molto contadina. Per questo motivo è sempre molto presente la teoria secondo cui la vodka si identifica con il metodo di distillazione. Il cereale utilizzato è indifferente. Su questa filosofia ci sentiamo di dissentire e considerare la vodka più propriamente detta se prodotta utilizzando il grano invernale. Questa base permette di identificare con precisione il gusto di una vodka senza incertezze o esitazioni. All’interno di questo ambito sarà poi possibile valutare in modo più oggettivo ogni tipo di variante aromatica come ad esempio i vari tipi di vodka fruttata o alla menta ad esempio. Utilizzando altri tipi di cereali si perde ogni tipo di riferimento certo e la valutazione diventa inevitabilmente soggettiva. La “vodka” perde ogni tipo di propria connotazione a livello di gusto e diventa un distillato generico. L’unica vera variante praticata anche in Russia è quella che utilizza la segale, come ad esempio la Moskovskaya Vodka. Anche in questo caso possiamo parlare di vodka propriamente detta, seppure con un gusto che è inevitabilmente diverso.]

Caratteristiche extra

[Una delle peculiarità della vodka è di avere un gusto fondamentalmente neutro che si presta a numerose varianti aromatiche. Come già sapete il sapore della vodka liscia risulta ai più quasi impercettibile. I palati più esigenti e più esperti sanno però identificare i vari sentori della migliore vodka, anche se estremamente filtrata e raffinata. Per questo motivo è necessario avere una certa esperienza nella degustazione della vodka liscia, magari provandone diverse, meglio se tutte a base di grano. In questo modo sarà possibile mettere bene a fuoco le differenze degli aromi. Grazie al suo gusto molto neutro sono proliferati prodotti a base di vodka con al suo interno vari tipi di aromi molto intensi. Nella nostra rassegna sono presenti ad esempio la Zubrowka Vodka Bison Grass, la Grey Goose Vodka Poire e la Absolut Vodka Citron. Tutti questi prodotti offrono un grande livello di combinazione tra la forza della vodka ed il profumo persistente di vari elementi. Questa ottima combinazione è possibile solo ad una condizione. Che la vodka che è alla base del prodotto sia di altissima qualità. Il motivo è che in caso contrario il risultato sarà un semplice super alcolico dall’aroma molto forte che finisce per azzerare tutto. Non è difficile trovare prodotti del genere in commercio. Allo stesso modo pensare di utilizzare una vodka liscia di qualità modesta per realizzare dei cocktail è sempre una cattiva idea. Il retrogusto amaro tipico di vodke decisamente scadenti finisce per rovinare nella stragrande maggioranza dei casi ogni buon proposito di fare un ottimo cocktail.

Suggerimenti per come servirlo

10 Migliori Vodka - Un Grande Classico nel Tuo BarLa risposta sarebbe molto semplice ed è che la vodka andrebbe servita fredda, ma è bene chiarire questo punto in modo più chiaro. Innanzitutto, come abbiamo spiegato nelle recensioni di ben dieci prodotti, la vodka, per sue caratteristiche peculiari non offre il meglio di sé a temperatura ambiente. Il motivo risiede nell’utilizzo del grano invernale come base per questo tipo di distillato. Per una serie di motivi tecnici difficili da spiegare in breve (e non è neanche questa la sede giusta) la vodka a temperatura ambiente rilascia nella stragrande maggioranza dei casi un persistente retrogusto amaro. Non a caso nella nostra prova, solo la Moskovskaya (che è a base di segale) si è rivelata adatta ad essere consumata a temperatura ambiente. Per quanto riguarda la vodka a base di grano la temperatura consigliata nella stragrande maggioranza dei casi è di 5 gradi sopra zero. Molti produttori sui loro siti internet indicano la temperatura più appropriata per la loro vodka. L’unica cosa certa è che non va servita ghiacciata, cosa davvero senza senso. Allo stesso modo non va accompagnata con il ghiaccio, la vodka in questo modo perde istantaneamente le sue proprietà. I bicchieri in cui va servita sono piccoli e leggermente svasati. La regola è che la vodka vada bevuta in un solo sorso. Il migliore accompagnamento sono i classici stuzzichini russi come i cetriolini sottaceto.

FAQ

Se c’è una bevanda alcolica che riesce ad essere un ottimo complemento per i cocktail questa è la vodka. Grazie al suo gusto molto delicato, quasi insapore, la vodka è un ottimo supporto per numerosi cocktail apprezzati in tutto il mondo. Va premesso che parliamo di vodka non aromatizzata, perché quest’ultima mal si presta alla combinazione con altre bevande, specie gli alcolici. Anche la vodka che utilizza acqua non troppo filtrata potrebbe incontrare qualche difficoltà a mescolarsi con altri prodotti. Alcuni dei cocktail a base di vodka sono molto conosciuti, ma facciamo una breve lista. Tra i più noti cocktail in cui è presente la vodka citiamo Moscow Mule, Bloody Mary, Cosmopolitan, Long Island, White Russian, Caipiroska, Screwdriver, Black Russian, Vodka Sour, Vodka Martini, Sex on the beach. Di questi alcuni sono ad elevato grado alcolico, perché ia vodka è in combinazione con altri superalcolici, quindi prima di provarli è consigliabile valutare bene la composizione.

Nella nostra prova alla ricerca della migliore vodka sono presenti prodotti che hanno prezzi diversi ed alcuni di essi sono rintracciabili abbastanza facilmente al supermercato. Per alcuni di essi la reperibilità è in effetti più complessa. In questi casi o si ha la fortuna di avere nella zona un rivenditore di alcolici più particolari, oppure è necessario affidarsi ad internet. Per quanto riguarda la qualità dobbiamo dire che è inevitabile che i prodotti di maggior pregio abbiano un costo superiore. Allo stesso tempo, se optiamo per prodotti anche abbastanza economici, ma provenienti da alcune specifiche nazioni, è possibile trovare della vodka non aromatizzata comunque pregevole. Per quanto riguarda la vodka aromatizzata consigliamo prodotti di più alto prezzo per evitare di incappare in cattive sorprese. Questo perché, come abbiamo già spiegato, il segreto di una buona vodka aromatizzata è la qualità della vodka che sta alla base. Una vodka aromatizzata economica è quasi sicuramente a base di una vodka di scarsa qualità.

Il Nostro Verdetto

Nella nostra lunga prova dedicata alla ricerca della migliore vodka la vincitrice è la Smirnoff Vodka. Si tratta di una Vodka di origine russa che ha una grande storia alle spalle e che può vantare con merito il titolo di vodka più venduta al mondo. Il suo essere vodka senza fronzoli le permette di essere una bevanda alcolica di primissimo livello. Al secondo posto sorprendentemente c’è una vodka aromatizzata ed è la svedese Absolut Vodka Citron. Il lavoro certosino di dosaggio dell’estratto di limone è da manuale, e permette di godere di una vera vodka con vero gusto di limone. Il merito, lo rimarchiamo ancora una volta va anche all’ottima vodka alla base di questo prodotto. Al terzo posto nella classifica della migliore vodka una vera istituzione per i russi, la Russian Standard Vodka, il vero unico punto di riferimento per gli amanti della vodka in Russia. Unica ed inimitabile per il suo essere vodka al cento per cento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *